venerdì 31 ottobre 2014

AST e forze dell'ordine



Insieme per il Bene Comune esprime la piena solidarietà ai lavoratori ed ai sindacalisti metalmeccanici dell’ acciaieria AsT di Terni che il 29 ottobre scorso sono stati caricati e feriti dalla polizia senza nessun motivo mentre manifestavano per difendere la fabbrica dallo smantellamento deciso dalla multinazionale tedesca, già tristemente nota in Italia per i fatti di Torino, ThyssenKrupp.

Questo fatto di gravità assoluta si inserisce in un quadro complesso in cui di fronte al dramma della crisi, con perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro, il governo Renzi risponde con manganelli e demolizione dei diritti, riportando il rapporto impresa/lavoratore ai primi del ‘900, dove l'assenza di diritti era un dato di fatto.

In questo contesto rimaniamo al fianco di tutti i lavoratori e dei loro rappresentanti sindacali che, anche nel nostro territorio, intraprendono percorsi di lotta per difendere il principio sancito nell’ articolo 1 della Costituzione Repubblicana: L’ Italia è una Repubblica democratica fondata sul LAVORO.