mercoledì 30 luglio 2014

Pulman mancanti a Calcinaia la domenica d'estate. Non c'erano alternative?

E' stata discussa nel Consiglio Comunale del 30 luglio un'Interpellanza presentata da "Insieme per il Bene Comune" relativa alla soppressione nei giorni festivi di tutte le corse autobus che attraversa(va)no  il territorio del capoluogo di Calcinaia: di fatto nei mesi di luglio e agosto è stato eliminato qualsiasi tipo di collegamento sia coi comuni limitrofi sia con i capolinea di Pontedera e di Pisa da dove arrivano e partono i maggiori collegamenti diretti a ospedali, stazioni, aeroporto e località balneari, provocando enormi disagi ai nostri concittadini, specie quelli più deboli impossibilitati ad usare un mezzo privato.

Il nostro comune in questo 2014 ha stanziato 97.000 Euro in favore di CTT Nord per avere il servizio di trasporto pubblico; da notare che tale cifra era di 95.000 Euro nel 2012, ultimo anno di esistenza della vecchia CPT, quando però le corse domenicali venivano svolte regolarmente. Facendo insomma il "conto della serva" oggi paghiamo 2.000 euro in più per avere un servizio inferiore.

Da fonti sindacali abbiamo appreso che il costo di una singola corsa domenicale andata e ritorno (compreso il personale di servizio) è complessivamente di circa 500 euro. Pertanto ipoteticamente per aver due corse andata e ritorno in ciascuna domenica per i due mesi di servizio in oggetto, la spesa totale sarebbe di solo 8.000 Euro. Specifichiamo che tale cifra sarebbe stata divisa per cinque, cioè fra tutti i Comuni attraversati dalla corsa che passa dalla "Vicarese", ovvero Pontedera, Calcinaia, Vicopisano, San Giuliano Terme e Pisa. Siamo sicuri che non sarebbe stato possibile fare questo "sforzo" per garantire un servizio pubblico essenziale?