sabato 1 marzo 2014

"Un programma per il Bene del Comune di Calcinaia"

La nostra lista è lieta di essere la prima in questo Comune rendere pubblico il proprio programma elettorale, siamo i primi a dire chiaramente cosa vogliamo fare nei prossimi 5 anni. Il nostro è un programma che viene dal basso, frutto dell'elaborazione di decine di persone che già dall'autunno scorso lavorano insieme per cambiare il nostro comune. Quindi già a partire da oggi 1° marzo vi invitiamo a leggerlo, diffonderlo e a proporci pure suggerimenti o critiche, non si tratta infatti di una "scatola chiusa" ma di un programma che è possibile anche integrare con idee costruttive in questo mese e mezzo che ci separa dalla presentazione ufficiale del programma. Per noi prima vengono le questioni concrete che riguardano i cittadini, solo dopo i nomi dei candidati. 



 PROGRAMMA CALCINAIA INSIEME PER IL BENE COMUNE – 2014


Scarica il programma completo Word
Scarica programma completo PDF







Scuola
Serve una scuola pubblica di qualità, con maggiori finanziamenti al settore scolastico anche per la creazione di un “asilo nido” pubblico che nel nostro comune si attende da decenni.
Serve l’abbattimento dei finanziamenti alle scuole private per spostarli nel miglioramento della qualità dell’istruzione pubblica. L’esperienza purtroppo insegna che l’affidamento a privati dei servizi educativi non avviene mai in maniera indolore: l’esternalizzazione si fa anche per diminuire i costi, e la contrazione della spesa in questo settore vitale corrisponde sempre a un peggioramento delle condizioni di lavoro per gli educatori, che rischia inevitabilmente di riflettersi in un abbassamento della qualità del servizio per i bambini. Il nostro Comune compia allora una scelta coraggiosa: derogando al patto di stabilità, continui ad offrire ai suoi cittadini servizi per l’educazione e l’istruzione di alto livello, obbedendo alla Costituzione Italiana. Questa strada è già stata imboccata, con successo, da altre grandi città italiane.
E’ essenziale investire nella sicurezza degli edifici scolastici dei quali urge una bonifica, una riqualificazione e un piano per una riorganizzazione che ne garantisca la maggiore qualità e un numero di ragazzi contenuto per classe, sia per tutelare la sicurezza dei luoghi di studio, che per favorire l’apprendimento.
Vogliamo che nessun bambino rimanga nelle “liste di attesa” né all’asilo, né alle Primarie.

Settore Sociale
Per superare la crisi economica che attanaglia sempre più famiglie è necessario investire maggiori risorse nel settore Sociale. Faremo un serio monitoraggio delle “case popolari” (sia quelle dell’APES provinciale che quelle comunali) affinché vi abbia accesso chi ne ha veramente bisogno. Aumenteremo i contributi agli affitti,  vista la crescente domanda da parte dei cittadini in questo periodo di crisi.
Occorre mettere al centro le questioni sanitarie e assistenziali anche grazie alle associazioni di volontariato del territorio (Pubblica Assistenza, Misericordia e Pro Assistenza), le quali saranno incentivate ancora di più rispetto a quanto avvenuto finora per svolgere in modo sempre più proficuo le loro preziose attività a favore della comunità.
Occorre aprire una seria riflessione sulla Società della Salute, evitando inutili burocrazie e moltiplicazioni di responsabilità, ponendo al centro i servizi sanitari e assistenziali a favore dei cittadini.

Gestione dei rifiuti
Crediamo che il modello basato sulla raccolta differenziata “porta a porta” sia giusto. Pensiamo che si debba andare ancora più avanti con una tariffazione puntuale, sperimentando nuove forme di pagamento che sostituiscano le attuali bollette in modo da incentivare la minor produzione familiare dei rifiuti e premiare chi inquina meno. Noi cittadini abbiamo dimostrato di essere capaci a differenziare, ora dobbiamo iniziare a vedere un ritorno economico concreto. Siamo fermamente contrari all’incenerimento dei rifiuti e all’apertura di nuove discariche in Valdera, per questo lavoreremo per un serio riciclo, recupero e riuso del rifiuto, prendendo spunto dalle esperienze del nord Europa.

Unioni civili

Il Comune deve iniziare a dare esempio di civiltà e trattare ogni individuo in egual misura.  Il cittadino ha il diritto di chiedere all’ amministrazione pari uguaglianza nei confronti della società, in base all’ articolo 3 della Costituzione. Dobbiamo cominciare a trattare le persone  senza distinzione e senza discriminazione.  L'unione civile regolarizza le coppie, anche dello stesso sesso, che trovano nelle leggi locali ciò che manca a livello nazionale. Dobbiamo adeguarci all'Europa e dobbiamo iniziare da noi.  Il registro delle unioni civili è l'inizio per un comune moderno ed alla pari di altri grandi comuni italiani ed europei.
Partecipazione dei cittadini alla vita pubblica
Vogliamo la partecipazione diretta dei cittadini nelle decisioni della “cosa pubblica”, questa dovrà essere favorita in qualsiasi modo dall’Amministrazione Comunale.
Metteremo a regime la pratica del Bilancio Partecipativo, con la quale, nelle settimane antecedenti all’approvazione del Bilancio Comunale, i cittadini potranno decidere direttamente come impiegare una parte delle risorse economiche. Interessante è stata l’esperienza avviata nel 2012, che purtroppo l’Amministrazione non ha riconfermato negli anni seguenti: noi la renderemo una pratica normale della vita amministrativa locale.
Promuoveremo delle “Consulte di paese” in cui le associazioni e i cittadini si potranno ritrovare una volta al mese per discutere sui problemi che riguardano rispettivamente Calcinaia (con Sardina e Oltrarno) e Fornacette (con Case Bianche).
Allo stesso modo ci saranno maggiori momenti in cui la popolazione sarà consultata direttamente (non solo con semplici assemblee informative) per decidere sui temi più importanti.

Gestione dell'acqua pubblica


Ci impegneremo per una gestione dell'acqua completamente pubblica. Alcuni di noi negli scorsi anni si sono battuti per il Referendum del giugno 2011 con il quale la maggioranza dei cittadini italiani ha detto NO alla privatizzazione della gestione dell'acqua e NO al profitto garantito per legge al socio privato delle aziende idriche. Nonostante questo successo, Acque Spa e i Sindaci (fra i quali anche il Sindaco uscente di Calcinaia) hanno deciso di ignorare l’esito del Referendum che revocava il profitto garantito, infatti hanno deciso di non ritoccare al ribasso le tariffe, tradendo così la volontà popolare. Insomma, noi cittadini da quasi tre anni stiamo continuando a pagare una parte di bolletta non dovuta (pari nella nostra zona a circa il 18%); per questo sosterremo la “Campagna di Obbedienza Civile” (promossa dai Forum dei movimenti per l’acqua) a cui hanno aderito anche diverse famiglie del nostro Comune, impegnandoci a chiedere all’azienda la garanzia che nessuno potrà vedersi distaccare il servizio idrico (che è un diritto umano inalienabile, dato che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ogni persona ha diritto a 50 litri di acqua gratuita al giorno).

Noi ci batteremo nelle sedi competenti, in quanto azionisti di Acque Spa, assieme agli altri Comuni sensibili su questo tema, affinché si vada ad attuare il risultato del Referendum e pertanto che si arrivi alla riduzione delle bollette dell'acqua.

Fisco e politiche di bilancio
Il nostro principio ispiratore sulla tassazione locale è quello della progressività: "chi più guadagna più paga".
Attueremo un impegno deciso nella lotta all’ evasione fiscale, per quel che concerne i tributi locali, affinché la pressione fiscale possa diminuire per l’ intera collettività.
Pertanto applicheremo dei criteri più equi legati al reddito per stabilire quanto ciascuna famiglia deve pagare. Al centro metteremo le "spese sociali" in modo che si aiutino le fasce più deboli della popolazione.
Applicheremo il decreto n. 200 del 2012 affinché si verifichino le situazioni dei beni di proprietà degli Enti Ecclesiastici del territorio per una corretta applicazione della tassazione sugli immobili anche su di essi.
Interromperemo l'erogazione del contributo comunale agli Enti religiosi, mentre saranno invece stanziati fondi specifici al fine di favorire le attività delle associazioni di volontariato del territorio (Pubblica Assistenza, Misericordia e Pro Assistenza).
Sarà realizzata per ogni anno della Legislatura l'esperienza del Bilancio Partecipativo.
Se si renderà necessario metteremo in discussione il "Patto di stabilità" imposto dal Governo che impone un'assurda austerità e penalizza i Comuni virtuosi come il nostro: tutte le risorse che i cittadini pagheranno dovranno ritornare loro indietro come servizi.

Urbanistica, ambiente e agricoltura
In questi ultimi decenni il nostro comune ha subito un’eccessiva cementificazione. Troppe abitazioni sono state costruite comportando spesso un peggioramento  della qualità della vita. Il nostro comune  ha visto aumentare la popolazione di ben 4.000 unità solo negli ultimi dieci anni (ovvero un +30%): la densità degli abitanti per chilometro quadro è la più alta di tutta la provincia. Di recente il Comune ha approvato un nuovo Regolamento Urbanistico che nonostante si ponga l’obiettivo teorico di “consumare meno suolo possibile” poi concretamente va a prevedere insediamenti che porterebbero un ulteriore aumento 900 abitanti nei prossimi anni.
Per il futuro occorre ripensare l’urbanistica del territorio per renderla più sostenibile e a misura di cittadino. Serve una politica che miri al recupero del patrimonio edilizio esistente, non utilizzato o sottoutilizzato, senza andare però a intaccare le zone attualmente “vergini” puntando a un “Consumo zero di territorio”, con una revisione completa degli strumenti urbanistici. Il tutto senza mettere in ulteriore difficoltà il settore economico che  vi ruota intorno; dobbiamo bensì riqualificare e ricollocare per quanto possibile gli immobili civili ed industriali con attenzione per le infrastrutture ad uso pubblico, favorendo uno sviluppo edilizio ecosostenibile anche con incentivi.
Creazione di un maggior numero di "orti sociali" per gli anziani sia su Calcinaia che su Fornacette, per favorire uno svago nella "terza età" e la possibilità di poter avere gratuitamente i frutti della terra.
Maggiori incentivi per chi vuol rendere coltivabile un terreno inutilizzato, a favore di un'agricoltura biologica e contro gli Organismi Geneticamente Modificati. Le aree agricole debbono essere maggiormente valorizzate con il coinvolgimento degli attori e dei potenziali fruitori: gli agricoltori e i cittadini.
Traffico e viabilità
Abbatteremo il traffico dei mezzi pesanti dai centri storici di Calcinaia e di Fornacette attraverso l'abbassamento del limite di tonnellate dei camion che possono attraversare i centri paesani.
Su Calcinaia i centri storici potranno essere attraversati solo da auto di residenti nel comune, prendendo in considerazione di introdurre una ZTL sui lungarni e in via Venezia e di mettere in discussione la viabilità del centro storico del capoluogo in modo partecipato con i residenti. Ipotizziamo di poter ripristinare la pista ciclabile sui lungarni.
Su Fornacette occorre studiare una viabilità alternativa che eviti il passaggio dei mezzi che attraversano il centro del paese solo per raggiungere la superstrada Fi-Pi-Li o la zona industriale di Gello. A tale scopo ci impegniamo a fare pressioni sugli enti preposti affinché venga realizzata  una "bretella" all'altezza di Pardossi.

Mobilità ciclabile
Il traffico cittadino e l’ inquinamento atmosferico sono problemi che coinvolgono  tutti. Pensare un nuovo tipo di mobilità, soprattutto per chi vive quotidianamente nel nostro territorio , è una prerogativa sia per abbattere progressivamente l’ inquinamento nel capoluogo e nelle frazioni sia per superare la “civiltà dell’ automobile”.
Vogliamo potenziare fortemente la rete di piste ciclabili, attualmente insufficiente rispetto ai comuni limitrofi, in modo da favorire lo spostamento in bicicletta all’interno del Comune, procedendo anche al recupero del patrimonio storico-culturale, come la dismessa linea ferroviaria Pontedera-Lucca, di competenza del nostro Comune.  Proponiamo inoltre creazione di vari punti di “noleggio gratuito” di biciclette che colleghino i luoghi strategici:  centri cittadini, supermercati, mercati settimanali, cimiteri, luoghi di aggregazione, periferie.

Trasporto pubblico locale
Occorre investire nel trasporto pubblico locale e serve che il nostro Comune si faccia sentire nelle sedi competenti per avere un servizio più efficiente e di qualità per il nostro territorio. Il Comune spende 95.000 euro all'anno come quota di adesione a CTT Nord, ovvero la stessa cifra che spendeva fino al 2012 quando l’azienda era CPT, purtroppo però da allora il servizio è sempre peggiore con le corse che sono state progressivamente ridotte (ricordiamo che la scorsa estate la domenica gli autobus sono stati addirittura soppressi nel capoluogo) con conseguenze negative pure per i lavoratori del settore. Noi ci impegneremo assieme agli altri comuni della Valdera affinché il servizio di trasporto con autobus torni a essere efficiente e sia conveniente per il cittadino, in modo da disincentivare l’uso del mezzo privato, riducendo il traffico e favorendo gli anziani così come i lavoratori e gli studenti pendolari.

Lavoro
Con la crisi strutturale del nostro modello economico occorre pensare ad un piano straordinario che coinvolga tutti gli attori economici del territorio, per costruire progettualità condivise che guardino all’innovazione, alla valorizzazione delle tradizioni, all’artigianato e che sappiano costruire prospettive sui temi di un’economia sostenibile come le energie rinnovabili, puntando alla semplificazione e diffusione per il solare, il fotovoltaico, etc.
Oggi più che mai vi è un ricorso a lavoro “nero”, precariato, stage camuffati che umiliano e non danno la minima prospettiva a centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori. Per quel che riguarda gli appalti pubblici che il Comune dovrà emettere ci proponiamo di inserire nelle clausole, che le potenziali aziende appaltatrici  dovranno rispettare, quella che nel loro organico non figurino lavoratori non stabilizzati  e che la commessa non possa essere subappaltata al fine di evitare la perdita di tracciabilità delle lavoratrici e lavoratori impiegati. Per questo, dovrà essere superata la pratica dell’ attribuzione al massimo ribasso. Nel settore privato cercheremo di “inserire” l’ amministrazione comunale nei tavoli di trattativa con le aziende in crisi proponendo alternative (come sgravi fiscali) a cassa integrazioni, mobilità  e licenziamenti.  Istituire un “Fondo per il lavoro”, con apposito bando, per le piccole imprese e gli artigiani che vogliano poter stabilizzare i lavoratori precari o creare nuovi posti.

Bullismo giovanile
Il bullismo giovanile é un tema attuale che colpisce ovunque, soprattutto i paesi più piccoli. Bisogna incentivare, già dalle scuole, l'educazione al diverso.  Il Comune ha il dovere di dare il buon esempio proponendo, sempre più, nelle scuole dei momenti di confronto e di sensibilizzazione.

Ludopatie
Il fenomeno delle “ludopatie” è una piaga sociale che miete vittime anche nel nostro Comune.
Ogni giorno notiamo capannelli di persone (di quasi ogni età e provenienza sociale) che si accalcano davanti alle macchinette mangiasoldi, nella speranza di una piccola vincita, nei bar, nei circoli e in qualsiasi altro luogo di aggregazione. Questa situazione è sicuramente acuita dalla crisi economica che dopo aver falciato posti di lavoro e aspettative rilascia l’ effimera e illusoria speranza di riscatto nel gioco.
Recependo la legge regionale 57/2013 sarà nostra intenzione attivare un tavolo di discussione con gli esercenti pubblici al fine di rimuovere le slot machine dal territorio comunale.
Tale rimozione dovrebbe avvenire con incentivi, previsti dalla LR, con un contributo fiscale del comune e dalla pubblicità sui mezzi di informazione indicando il locale come “no slot”.
Per i locali che sono esclusivamente “sale slot” ci impegneremo a non concedere ulteriori licenze di apertura e proporremo ai gestori delle sale già presenti sul territorio di emettere una sorta di tessera del giocatore con un tetto massimo di gioco settimanale.

Turismo
Promuovere una sinergia tra Calcinaia ed i comuni limitrofi per favorire un maggior flusso turistico nel territorio.
La nostra zona è potenzialmente sviluppabile nella promozione del turismo naturalistico e sport correlati , basti pensare che la sponda dell’ Arno che corre proprio sotto il Palazzo Municipale è campo di gara mondiale di pesca.
Coordinare le amministrazioni di Calcinaia, Vicopisano, Bientina, Buti al fine di promuovere la conoscenza e/o la scoperta dei Monti Pisani, della Collina di Montecchio, dell’ area dell’ ex  Lago di Bientina e degli altri “tesori” naturali, architettonici e storici (il Trabocco e la Botte di Fornacette, il Borgo di Vicopisano, le case torri e il ponte ferroviario dell’ ex linea Pontedera-Lucca). Inserire questa “collaborazione” in circuiti turistici attraverso l’ utilizzo dei social network, autopromuovendosi presso agenzie di viaggi specializzate etc..

Sicurezza e socialità
Un Comune non ha reali poteri in merito alla sicurezza pubblica. Le telecamere che tuttora sono installate in circa dieci punti del nostro territorio sono pressoché inutili (è capitato che un negozio situato davanti a una telecamera venisse svaligiato ma ciò nonostante non è stato possibile per le autorità identificare i colpevoli). Servono momenti di socialità pubblica, con occasioni di ritrovo all’aperto, che rendano più difficile commettere reati; il vero punto di forza della sicurezza deve tornare ad essere il cittadino, come succedeva un tempo.

Energia
Un’ importante quota di bilancio viene attualmente destinata al pagamento di combustibile ed energia elettrica. Serve quindi incentivare forme di efficienza energetica e soluzioni alternative per consentire nel medio-lungo termine il re-indirizzamento di tali risorse su altri servizi che migliorino la qualità della vita.
L’utilizzo di forme di autoproduzione di energia come il fotovoltaico o di forme di efficienza come l’illuminazione a led permettono oltre all’abbattimento dei costi di acquisto anche una concreta riduzione dei costi di manutenzione. Inoltre soluzioni di miglioramento dell’efficienza come i sistemi di cogenerazione potrebbero rendere il nostro comune quasi autosufficiente dal punto di vista elettrico. Forme di risparmio passivo come isolamenti termici permetterebbero di renderci sempre meno dipendenti dai combustibili fossili. Solo nell’anno 2013 il costo dell’energia elettrica e del gas ha avuto un aumento del 13%, ci impegniamo a favorire e promuovere tutte le forme di efficienza energetica non solo per migliorare la qualità della vita ma anche per migliorare le risorse economiche del nostro comune.

Commercio locale

Vogliamo favorire un nuovo sviluppo dei "centri commerciali naturali" presenti nei centri storici e quindi il commercio al dettaglio e di quartiere, più sostenibile e funzionale rispetto ai grandi centri commerciali che spesso non hanno nessuna ricaduta positiva sul territorio. Apriremo un confronto con i piccoli commercianti per capire quali sono le loro esigenze per il miglioramento delle loro attività. Aumenteremo la pratica dei mercati paesani straordinari (con chiusura temporanea del traffico nei centri storici) e sperimenteremo la "notte bianca" del commercio sia a Fornacette che a Calcinaia.

Sport per tutti

Saremo in stretto contatto con le società sportive dilettantistiche del territorio per favorire l'accesso allo sport a tutti i giovani ma anche a chi si trova nella "terza età".
La pratica sportiva deve essere accessibile a tutti, senza distinzioni di reddito, per tali motivi aiuteremo le famiglie in difficoltà affinché i loro figli possano praticare sport tramite integrazioni alle rette. Serve un'area dove possano essere concentrati spazi per svolgere le diverse pratiche sportive. A tal proposito un primo passo sarà la ristrutturazione del campo di basket di Calcinaia.
Faremo il possibile affinché il nostro territorio sia attraversato dal maggior numero possibile di eventi sportivi su scala regionale o nazionale, che diano visibilità al nostro Comune.
Installeremo attrezzature sportive in più punti del territorio per realizzare un “Percorso Salute”.

Trasparenza delle istituzioni
I cittadini hanno diritto a sapere cosa succede dentro al "palazzo della politica". Renderemo accessibili a tutti le registrazioni integrali delle sedute dei Consigli Comunali, anche sfruttando le potenzialità del web.
Per ridare fiducia ai cittadini nelle istituzioni serve la garanzia dei tempi certi di risposta alla domanda di servizi al Comune, favorendo la trasparenza nei vari procedimenti e nell'affidamento degli appalti, evitando il più possibile la pratica dell'"assegnazione diretta".

Memoria storica

Favoriremo la diffusione culturale della  Resistenza e della Liberazione, sia con una capillare collaborazione con le scuole (anche tramite percorsi di "Storia locale"), sia favorendo i festeggiamenti pubblici di feste civili importanti come il 25 Aprile e il 1°Maggio.
Vogliamo che siano ricordati i personaggi che hanno fatto la "storia" di questo comune, ad esempio intitolando loro le nuove vie, strade o piazze del nostro territorio.